Le interviste di Oltreconfine
Gianluca Magi ¤ www.gianlucamagi.it

Gianluca Magi si racconta attraverso i libri della sua vita

di Mariavittoria Spina

in Bibliointervista (Oltreconfine - n° 8 - Nov/Dic 2012)
€ 7.90 + spese sped.
GIANLUCA MAGI
È nato a Pesaro il 18 novembre 1970 e vive in provincia di Rimini. Docente universitario esperto di filosofie e psicologie orientali, fondatore e direttore della Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini. Grande viaggiatore, ama definirsi soprattutto «un padre speciale», «il vecchio Magio» come lo chiama suo figlio Cristoforo. Tra i suoi libri, tradotti in molti Paesi, ricordiamo I 36 stratagemmi (2003), La Via dell’Umorismo (2008) e Il Gioco dell’Eroe (2012) per Il Punto d’Incontro, La nobile arte dell’insulto (2006) per Einaudi, e La vita è uno stato mentale (2009) per Bompiani.


C’è un libro che ha influito più di altri nel tuo percorso di crescita personale? In esso, quale passo ti ha colpito particolarmente e continua ancora oggi a risuonarti nella mente?
L’antichissimo architrave del pensiero indiano: il Rigveda. Nel passo 1,164 c’è una rivelazione limpida ed enigmatica che continua a procurarmi una vertigine: «Sull’albero [si tratta dell’albero della nostra stessa vita] ci sono due uccellini, amici fidati. Uno di loro mangia il dolce frutto dell’albero; l’altro, senza mangiare, guarda e veglia». Ecco svelata la possibilità del prodigioso stato di attenzione superiore mentre ti muovi nel mondo!

In quale momento della tua vita hai incontrato questo libro e qual è stato il motivo che ti ha spinto ad aprirlo?
Da bimbo, la forza magnetica di quel fascio di fogli ingialliti sul comodino di mio padre m’invitò a entrare, come in un giardino segreto. Vi appresi l’importanza della lode, lo stato che ascende alla gioia. La lode ha una funzione magica: vivifica chi la riceve, mentre il rimprovero umiliante intimidisce e costerna, sino alla paralisi. Se hai a che fare coi bambini o coi cuccioli di animali conosci perfettamente gli effetti opposti della lode e della mortificazione.

Nel 1997 hai fondato a Rimini la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa, che si propone di mediare il pensiero occidentale e orientale avvicinando entrambi alla consapevolezza delle persone. In quest’ambiziosa opera di divulgazione culturale, quali libri consideri fondamentali nella formazione di un ricercatore in grado di orientarsi e fluire tra le diverse filosofie?
A bruciapelo: Psicologie transpersonali, a cura di Charles Tart, l’esplorazione, sotto una luce psicologica, di sette grandi tradizioni dello spirito; Il codice dell’anima di James Hillman, per sentire di nuovo la presenza dell’amico segreto da cui la nostra vita dipende; Le figure del mito di Joseph Campbell, un’interpretazione universale dell’esperienza mitica come esperienza dell’unità.

(continua)

Seguici su Facebook Seguici su Youtube Seguici su Twitter Seguici su Anobii
iscriviti alla newsletter
Iscriviti tramite Facebook
oppure

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)